Nulla possiamo
in sublime creazione
se non accogliendo
come terra il fiore
le rovine
del nostro passato

Giusi Boccuni