Refound

Luci e ombre, tante ombre.

Ero in una clinica, gente strana, gente che soffre, dolore e tormenti, storie (clic).

Poi sono andato in una fabbrica, cartellini timbrati, fatica, sudore, rumore, gente triste, gente allegra, storie (clic).

Cambio ancora di scena, una casa di cure termali, sento l’odore del zolfo, relax, sorrisi, saloni da ballo, ancora storie (clic).

Mi sveglio, è il 2015, non c’è nulla, solo tracce e racconti dal passato, vissuto chissà quando chissà da chi, e la mia Hasselblad come stargate del tempo.