Sono sempre alla ricerca di libri e riviste di fotografia, che nella mia biblioteca sono presenti sempre in abbondanza, tutti amati dal primo all’ultimo, ma non mi bastano mai, sono avido di fotografia.

In Italia purtroppo non c’è mai stata una grande cultura fotografica, è sempre stata considerata un’arte di secondo ordine rispetto alla pittura/scultura ed il panorama delle riviste fotografiche nazionali è a dir poco deprimente. Inoltre la diffusione del digitale, con la massificazione che ha comportato, ha aggravato questa situazione, così in edicola si trovano le classiche riviste di fotografia, quelle per intenderci dove si fanno reviews di macchine e obiettivi suggeriti dallo sponsor di turno, quelle dove si trovano articoli del tipo “I dieci trucchi per un BN da urlo” o come “I segreti per fare un reportage da National Geographic”, tutti articoletti che buttano lì due banalità, senza entrare mai nel vivo di una vera cultura dell’immagine fotografica. Così negli ultimi anni mi sono rivolto alle riviste on line, naturalmente straniere, come Ph Magazine.

lfi_logoOra per quanto l’ipad sia una gran comodità per leggere riviste virtuali, la carta è sempre la carta e la fotografia stampata bene è un’altro piacere. Un paio di mesi fa ho avuto la fortuna di imbattermi per caso in una rivista, in inglese, vista in edicola a Padova: si tratta di LFI Leica Fotografie International.

E’ la rivista pubblicata mensilmente (10 numeri all’anno) da Leica e ovviamente le foto pubblicate sono fatte solo con le Leica, le “recensioni” sono solo su questi prodotti, si parla di eventi legati a questo marchio, si mangia su piatti marchiati Leica, ci si lava il viso con saponi Leica, si indossa biancheria intima rigorosamente Leica…

CoverMa un fatto è innegabile: le immagini sono bellissime e alla fine è quello che conta per me. Gran parte della rivista è dedicata a reportages, ad articoli inerenti grandi fotografi (ex. Robert Frank) del passato e a fotografi contemporanei, sempre corredati da immagini splendide. LFI è inoltre stampata sulla carta migliore che abbia mai visto per una rivista fotografica, bella pesante e di un bianco splendente, così da renderla ideale per una lettura serale, assaporandola assieme del cioccolato fondente e un bicchiere di rhum o porto.

Siccome è difficile da trovare, è consigliabile fare un abbonamento. C’è anche una versione virtuale che si può leggere via tablet, ma fatelo solo se volete testarne i contenuti.

 

 

I’m always looking for books and magazines on photography and in my library there are a lot of these, all loved, but I can never have got enough, I’m avid of photography.
In Italy, unfortunately, there isn’t a great photographic culture, it’s always considered an art of second order with respect to the painting/sculpture and the national photography magazines are low quality.
The most popular magazines publish reviews of reflex/objs suggested by the sponsor of the moment or articles such as “The Ten tips for a BEST Black&White Photos” or “Secrets to do a reportage like National Geographic” without speaking about a true culture of the photographic image.
So in recent years I have turned to online magazines like Ph Magazine.
lfi_logoNow as far as the iPad is a great to read virtual magazines, paper is still paper and a printed photograph is another pleasure. A couple of months ago I was lucky enough to come across by chance in a new magazine for me, it’s LFI Leica Fotografie International

LFI is published by Leica and, of course, the photos are made only by Leica, the “reviews” are just about these products, they talk about events related to this brand, they eat on plates marked Leica, they wash their face with Leica soap, they wear underwear Leica …

But one thing is undeniable: the images are beautiful and it’s what I’m looking for. In this magazine you can read reportages, Coverarticles about famous photographers (ex. Robert Frank) and about contemporary authors, always with beautiful images.

LFI is also printed on the best paper I’ve ever seen for a magazine photo, heavy and beautiful bright white, so make it ideal for an evening reading, savoring it with dark chocolate and a glass of rhum or port.
Since it is difficult to find, it is advisable to make a subscription. There is also a virtual version that you can read off the tablet, but do it only if you want to test the contents.